top

Banner
Banner
«  dicembre 2018  »
lmmgvsd
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31 




ALIMENTAZIONE: Obbligo indicazione sede stabilimento di produzione o confezionamento Stampa E-mail
Alimentazione
Martedì 06 Febbraio 2018 15:35

In Gazzetta Ufficiale del 7 ottobre è stato pubblicato il Decreto Legislativo 15 settembre 2017 n. 145 sulla

 “Disciplina dell'indicazione obbligatoria nell'etichetta della sede e dell'indirizzo dello stabilimento di produzione” dei prodotti alimentari.

Il provvedimento si applica ai prodotti alimentari preimballati destinati al consumatore finale o alle collettività.

E’ ora obbligatorio riportare in etichetta la località e l'indirizzo dello stabilimento di produzione o, se diverso, la sede dello stabilimento di confezionamento. Questo dato può essere omesso (articolo 4) qualora l'indicazione della località consenta comunque l'agevole e immediata identificazione dello stabilimento.

La sede di produzione può essere omessa anche in altri casi espressamente previsti, ovvero quando:

  1. a) la sede dello stabilimento di produzione, o se diverso, di confezionamento coincide con la sede già indicata in etichetta ai sensi dell'articolo 9, paragrafo l, lettera h), del regolamento n. 1169/2011, ovvero coincide con il nome o la ragione sociale e l’indirizzo dell’operatore del settore alimentare responsabile dell’alimento;
  2. b) i prodotti alimentari preimballati riportano il marchio di identificazione di cui al regolamento n. 853/2004 o la bollatura sanitaria ai sensi del regolamento n. 854/2004;
  3. c) il marchio contiene l'indicazione della sede dello stabilimento.

Nel caso in cui l'operatore del settore alimentare disponga di più stabilimenti, è consentito indicare tutti gli stabilimenti purché quello effettivo sia evidenziato mediante punzonatura o altro segno.

All’articolo 5 del decreto sono previste le sanzioni per le violazioni alle disposizioni in esso contenute. In particolare:

  • la mancata indicazione della sede dello stabilimento di produzione o, se diverso, di confezionamento dei prodotti alimentari preimballati, è soggetta alla sanzione amministrativa pecuniaria del pagamento di una somma da 2.000 euro a 15.000 euro.
  • nel caso l'impresa disponga di più stabilimenti e non evidenzi quello effettivo mediante punzonatura o altro segno, è soggetta alla sanzione amministrativa pecuniaria del pagamento di una somma da 2.000 euro a 15.000 euro.
  • la mancata indicazione della sede dello stabilimento di produzione o, se diverso, di confezionamento, secondo le modalità di presentazione delle indicazioni obbligatorie stabilite dall'articolo 13 del regolamento n. 1169 è soggetta alla sanzione amministrativa pecuniaria del pagamento di una somma da 1.000 euro a 8.000 euro.

Il decreto entra in vigore il 22 ottobre 2017 ma le disposizioni in esso contenute scatteranno a decorrere dal centottantesimo giorno successivo alla sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale (5 aprile 2018). In questo lasso di tempo (180 giorni), gli alimenti potranno essere immessi sul mercato o etichettati senza dover indicare la sede di produzione e potranno essere commercializzati anche dopo, fino all'esaurimento delle scorte.

 

In evidenza

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

bottom

design by CREADIVA

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies di terze parti. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento
acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra cookie policy..