top

Banner
Banner
«  gennaio 2022  »
lmmgvsd
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31 




Decreto Sostegni (D.L. numero 41 del 2021) Stampa E-mail
Fisco
Lunedì 29 Marzo 2021 13:06

Le principali novità introdotte dal Decreto sono:

Contributo a fondo perduto

Viene riconosciuto un contributo a fondo perduto per i soggetti titolari di partita IVA che svolgono attività d’impresa, arte o professione, nonché per gli enti non commerciali e del terzo settore senza nessun riferimento al codice ATECO, che abbiano conseguito dei ricavi di cui all’art. 85 comma 1 lett. a) e b) e art. 54 comma 1 del DPR 917/86 non superiore a 50 milioni di euro. Sono invece esclusi dalla fruizione del bonus i soggetti la cui attività risulti cessata alla data di entrata in vigore del Decreto (23 marzo 2021) o che abbiano attivato la partita Iva successivamente (a partire dal 24 marzo 2021) e gli intermediari finanziari o le società di partecipazione finanziaria.

Il contributo a fondo perduto spetta a condizione che l’ammontare medio mensile del fatturato o dei corrispettivi conseguiti nell’anno 2020 siano inferiori ad almeno il 30 % rispetto all’ammontare medio del fatturato e corrispettivi conseguiti nel 2020. Il contributo a fondo perduto spetta, anche in assenza del requisito del calo di fatturato/corrispettivi, per i soggetti che hanno attivato la partita IVA a partire dal 1° Gennaio 2019, sempre che venga rispettato il presupposto del limite di ricavi o compensi di 10 milioni di euro. Ai suddetti soggetti al fine del calcolo della media si rilevano i mesi successivi a quello di apertura della partita IVA.

Il contributo verrà accreditato direttamente sul conto corrente indicato nella richiesta o, a scelta irrevocabile del contribuente potrà essere utilizzato nella sua totalità come credito d’imposta in compensazione, tale credito potrà essere riportato anche in anni successivi.

L’F24 per la compensazione potrà essere presentato esclusivamente tramite i servizi telematici messi a disposizione dell’Agenzia delle Entrate.

L’importo del contributo a fondo perduto sarà determinato applicando alla differenza di fatturato rilevata al 2019-2020, le seguenti percentuali:

• 60% per i soggetti con ricavi e compensi non superiori a 100mila euro;

• 50% per i soggetti con ricavi o compensi fra 100 mila e 400mila euro;

• 40% per i soggetti con ricavi o compensi superiori a 400mila e fino a 1 milione di euro;

• 30% per i soggetti con ricavi o compensi superiori a 1 milione e fino a 5 milioni di euro;

• 20% per i soggetti con ricavi o compensi superiori a 5 milioni e fino a 10 milioni di euro.

Nel dettaglio, il calcolo del contributo deve essere effettuato nel seguente modo:

- Se la differenza tra la media mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2020 e la media mensile dell’anno 2019 è negativa ed è almeno del 30 per cento, a tale importo si applicherà la percentuale prevista in relazione alla fascia di riferimento dei ricavi/compensi 2019, fermo restando il riconoscimento del contributo minimo se superiore;

- Per i soggetti che hanno attivato la partita IVA a partire dal 1° gennaio 2019, se la differenza tra la media mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2020 e la media mensile dell’anno 2019 è negativa ma inferiore al 30 per cento, ovvero pari a zero o positiva, spetta l’importo minimo del contributo.

In presenza dei requisiti, il contributo è riconosciuto per un importo minimo di 1.000 euro per le persone fisiche e di 2.000 euro per i soggetti diversi dalle persone fisiche. Il contributo in ogni caso non potrà essere superiore ad 150.000 euro.

Il nuovo contributo a fondo perduto, come i precedenti bonus, è escluso da tassazione sia per quanto riguarda le imposte sui redditi sia per l’Irap e non incide sul calcolo del rapporto per la deducibilità delle spese e degli altri componenti negativi di reddito, compresi gli interessi passivi.

La domanda dovrà essere presenta a partire dal 30/03/2021 al 28/05/2021 telematicamente nella piattaforma web messa a disposizione dall’Agenzia delle entrate tramite apposito modello, per ogni domanda il sistema effettuerà delle verifiche e rilascerà delle ricevute al soggetto che ha trasmesso l’istanza. Si prevede dal comunicato stampa del presidente M. Draghi che il contributo a fondo perduto venga erogato direttamente dall’Agenzia delle Entrate a partire dal prossimo 8 aprile tramite la piattaforma telematica dedicata.

 

Contributo per le attività con sede in centri commerciali (Abrogata)

Vengono abrogate le previsioni del D.l. 137/2020 in cui si prevedeva per l’anno 2021 un contributo a favore degli operatori con sede operativa nei centri commerciali e degli operatori delle produzioni industriali del comparto alimentare e delle bevande.

Proroga del periodo di sospensione dell’attività dell’agente di riscossione Viene esteso al 30 Aprile 2021 il periodo di sospensione del versamento di tutte le entrate tributarie e non tributarie, derivarti da cartelle di pagamento, avvisi di addebito e avvisi si accertamento affidati all’agente della riscossione. I versamenti oggetto di sospensione dovranno essere effettuati in un'unica soluzione entro il mese successivo al termine del periodo di sospensione cioè il 31-05-2021.

Rottamazione delle cartelle

Viene prevista la proroga del pagamento delle rate della rottamazione ter:

- Le rate in scadenza al 2020 potranno essere versate entro il 31/07/2021;

- Le rate in scadenza il 28/02-31/03-31/05-31/07/2021 potranno essere versate entro il 30/11/2021.

Per entrambi i casi sono riconosciuti 5 giorni di tolleranza per il pagamento.

Annullamento dei carichi

Sono automaticamente annullati i debiti di importo residuo fino a 5.000 euro risultanti da singoli carichi affidati agli agenti della riscossione dal 2000 al 2010 delle persone fisiche che hanno conseguito nel 2019, un reddito imponibile ai fini delle imposte sul reddito fino a 30.000 euro.

Lo stesso trattamento è riconosciuto anche ai soggetti diversi ai fini delle imposte sul reddito delle persone fisiche che hanno conseguito, nel periodo d’imposta 2019 un reddito imponibile fino a 30.000 euro.

Le modalità e le date di annullamento del debito saranno stabilite mediante un decreto del ministro dell’economia e delle finanze da adottarsi entro 30 giorni dall’entrata in vigore del decreto sostegni, fino alla data stabilita dal suddetto decreto, verrà sospesa la riscossione di tutti i debiti di importo residuo alla data di entrata in vigore del decreto sostegni fino a 5.000 euro, comprensive di capitali interessi per ritardata iscrizione a ruolo e sanzioni.

Viene prevista, per gli operatori economici che nel 2020 hanno subito una riduzione del volume d’affari maggiore del 30 % rispetto a quello conseguito nel 2019, la possibilità di definire le somme dovute a seguito del controllo automatizzato delle dichiarazioni, richieste con gli avvisi d’irregolarità elaborati entro il 31/12/2020 ma non inviate per effetto della sospensione. Tale proposta di definizione verrà inviata al contribuente direttamente dall’A.E. o a mezzo raccomandata o a mezzo PEC. Potranno in oltre essere

emanati dal direttore dell’A.E. ulteriori provvedimenti per dare attuazione a tale disposizione.

Proroga termine notifica cartelle

Viene prorogato di 1 anno, in deroga a quanto previsto dall’art. 3 della L. 27/07/200 numero 12 (statuto del contribuente), il termine per la notifica delle cartelle di pagamento relative alle dichiarazione presentate nel 2019.

Certificazioni uniche e fatture elettroniche

Il termine per la trasmissione delle Certificazioni uniche 2021 è stato differito al 31/03/2021, e le fatture elettroniche 2019 potranno essere portate in conversione entro il 10/06/2021.

Riduzione degli oneri delle bollette elettriche

Per i mesi di aprile, maggio e giugno 2021, l'autorità di regolazione per energia, reti e ambiente dispone, con propri provvedimenti, la riduzione della spesa sostenuta dalle utenze elettriche connesse in bassa tensione diverse dagli usi domestici, con riferimento alle voci della bolletta identificate come «trasporto e gestione del contatore» e «oneri generali di sistema».

 

In evidenza

Banner
Banner
Banner

bottom

design by CREADIVA

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies di terze parti. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento
acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra cookie policy..