top

Banner
Banner
«  dicembre 2020  »
lmmgvsd
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031 




Treni, Confartigianato Catanzaro: “L’Alta velocità è ancora una chimera in Calabria” Stampa E-mail
Territorio
Venerdì 25 Settembre 2020 08:33

"Dal treno low cost al lussuoso Orient Express, al treno veloce all'Hiperloop passando per lo space train.

In verità, in Calabria, tutto ciò ad oggi è solo un miraggio". E' quanto si legge in una nota firmata da Innocenza Giannuzzi, presidente di Confartigianato Turismo Catanzaro.

"Continuamente – si legge ancora nel documento - sentiamo parlare di Alta Velocità per il Sud. Ma, senza, il Mezzogiorno non diventerà mai competitivo. A tal proposito bisogna essere chiari e precisi perché spesso sotto la stessa sigla AV vengono indicate infrastrutture completamente diverse: Alta Velocità/Alta Capacità (AVAC)è l'infrastruttura percorribile oggi a 300 km/h, e che quindi con un treno diretto permetterebbe di connettere Roma con lo Stretto, quindi con la punta dello Stivale, in non più di 2 ore. Alta Velocità di Rete (AVR)a differenza dell'AVAC, è una rete in cui sono comprese sia le linee AVAC (quindi 300-350 km/h), sia le linee tradizionali in cui si fanno interventi per portare la velocità a 200 km/h. Per semplificare se una linea è in AVR, e non è linea AVAC, vuol dire che è una linea tradizionale in cui si fanno lavori portando la velocità massima a 200 km/h. Ed allora siamo e saremo destinati, ancora chissà per quanto, specie nella tratta Orient Express Calabria tirrenica a viaggiare solo a 200Km/h? Wuando sarà finalmente possibile essere in linea con il resto della nazione? Sulla base di quelle già realizzate in Francia, Spagna, Giappone e in tanti altri Paesi si dovrebbe realizzare l'Alta velocità Larg (AV LARG ) per la quale è sufficiente spendere pressappoco quanto necessario per la sistemazione della linea attuale tirrenica come AVR. L'alta velocità Larg è una linea con progettazione snella ad altissimo tasso tecnologico, svincolata dalle pesantezze dei treni merci tradizionali, capace di attrarre molte componenti di domanda, solida e capace di far fronte ai rischi naturali e antropici meglio delle infrastrutture attuali, con grande caratterizzazione ambientale. Una linea a 300-350 km/h, per collegare Roma con lo Stretto in due ore e mezza con una progettazione ed una realizzazione ecosostenibile per essere al passo con i tempi e per non perpetuare l'atavica tendenza ad essere sempre ed eternamente il 'fanalino di coda' d'Italia".

La giunta di Confartigianato Catanzaro si è riunita su sollecitazione di Innocenza Giannuzzi, presidente Confartigianato Turismo, per affrontare il problema dei trasporti che, secondo la CGIA (Confederazione generale italiana artigiani), sono una delle principali cause del lento sviluppo del turismo in Calabria.

 Secondo il presidente Enzo Bifano e il segretario Raffaele Mostaccioli, "la nostra regione oggi non può neanche 'tuffarsi' in un viaggio su un Orient Express. Tuttavia gli attuali prezzi per i treni che viaggiano sulle nostre tratte somigliano molto a quelli del famoso treno dalle eleganti e lussuose carrozze. Permane dunque una realtà inaccettabile: ai costi non corrisponde l'efficienza, la funzionalità e la modernità dei servizi".

 

Fonte: Il Dispaccio

 

In evidenza

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

bottom

design by CREADIVA

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies di terze parti. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento
acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra cookie policy..