top

Banner
Banner
«  aprile 2018  »
lmmgvsd
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30 




Nel 2018 continua la selezione delle imprese artigiane con un tasso di crescita del -1,0% Stampa E-mail
Ultime
Giovedì 07 Febbraio 2019 16:00

La crescita economica in Europa continuerà, ma sarà più moderata. Secondo le previsioni pubblicate stamane dalla Commissione europea il PIL della zona euro dovrebbe crescere dell’1,3% nel 2019 e dell’1,6% nel 2020, con una riduzione di 0,3 punti rispetto alle previsioni d’autunno di 1,9% nel 2019 e di 0,1 punti rispetto al 1,7% nel 2020. Il taglio delle previsioni per l’Italia è più severo, passando dal +1,2% delle previsioni di autunno allo 0,2%. Le prospettive di rallentamento dell’economia italiana influenzano gli investimenti in nuove attività imprenditoriali. Al 31 dicembre 2018 le imprese artigiane registrate sono 1.309.478 con una dinamica demografica nell’anno data da 80.027 iscritte, pari ad un tasso di iscrizione del 6,0%, e 93.460 cessate non d’ufficio, pari ad un tasso di cessazione del 7,0%. Dopo un triennio di discesa, torna salire, seppure di solo un decimale, il tasso di cessazione. La nati-mortalità di impresa determina un saldo negativo di -13.433 unità, equivalente ad un tasso di crescita del -1,0%, in lieve peggioramento rispetto al -0,9% dell’anno precedente, interrompendo il trend di attenuazione della flessione rilevato tra il 2013 e il 2017.

 

 

La selezione dell’artigianato è diffusa in tutta Italia, tranne che in Trentino-Alto Adige dove si registra un tasso di crescita dello 0,2%; cali inferiori o in linea alla media nazionale si registrano in Liguria (-0,6%), in Friuli Venezia-GiuliaPugliaLazioLombardia (tutte con lo -0,8%), in Sardegna ed Emilia Romagna (entrambe con lo -0,9%) e in ToscanaMoliseCampania (tutte con il -1,0%); di contro le diminuzioni maggiori si osservano in Piemonte (-1,1%), Valle d’Aosta (-1,2%), VenetoCalabriaMarche (tutte con il -1,3%), Umbria (-1,6%), SiciliaAbruzzo(entrambe con il -1,7%) e Basilicata (-1,9%).

In sei regioni nel 2018 migliora il trend delle imprese artigiane rispetto all’anno precedente:  nel dettaglio, si tratta di Abruzzo, Lazio, Liguria, Molise, Sardegna e Trentino-Alto Adige, l’unica  regione con dinamica positiva, come anticipato.

A livello provinciale solo tre territori presentano una dinamica dell’artigianato non negativa nel corso dell’ultimo anno: Bolzano con il +0,6%, Imperia +0,5% e stazionaria ad Asti.

Per quanto riguarda il confronto con il 2017, il tasso di crescita migliora soltanto in 35 province delle 105 considerate, cioè in una provincia su tre (33,3%).

L’analisi della demografia dell’artigianato nell’Appendice statistica “La dinamica delle imprese artigiane nel 2018 per regione e provincia”. Clicca qui per scaricarla.

 

In evidenza

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

bottom

design by CREADIVA

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies di terze parti. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento
acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra cookie policy..